Le invenzioni cinesi


Share on Facebook
Share on Twitter
Share via e-mail

Il concetto che l’imperatore era figlio del cielo e che gli eventi straordinari del cielo e della terra erano l’espressione di approvazione o critica dell’aldilà, fu la causa del primo sviluppo dell’osservazione astronomica in Cina. La corte imperiale aveva il proprio osservatorio astronomico e nel XII secolo nell’osservatorio di Pechino c’erano 17 strumenti astronomici diversi. La cometa di Halley fu osservata per la prima volta dai cinesi nel 467 a.C.

Nel III sec. a.C. era in uso un calendario di 360 giorni, migliorato poi dalle dinastie successive. Nel XII sec. La lunghezza dell’anno venne fissata a 365,2424 giorni, quasi la stessa dei calcoli moderni.

La torre dell’orologio di Su Song, eretta nel 1088, è un primo esempio dello sviluppo dell’arte degli orologiai. Alimentata da una ruota ad acqua con ingranaggi, fu attrezzata con sistema che regolava le ruote per mostrare i movimenti astronomici in modo preciso.

I geografi erano impegnati negli studi relativi alla deviazione del nord magnetico del vero nord molto prima che gli europei fossero a conoscenza dell’esistenza del campo magnetico terrestre. La bussola cinese consisteva in origine in un piatto metallico con sopra un cucchiaio anch’esso metallico, il cui manico puntava verso sud. Fu sviluppata anche una sorte di sismografo, che approssimativamente registrava un terremoto nelle vicinanze.

Attorno al 1100, le fonderie in Cina producevano già quantità di ferro ed acciaio raggiunte dalla produzione europea solo nel XXVIII sec.

L’uso della carrucola e del paranco mostra che i cinesi conoscevano le leggi della meccanica nel V sec. La cosiddetta elica di archimede era usata per pompare l’acqua nel I sec., infatti l’irrigazione, essenziale per l’agricoltura, cinese, fu importante nello sviluppo tecnologico. La parola scritta ha sempre avuto in Cina più importanza di quella parlata. Questa è forse la ragione del precoce sviluppo della carta. Ricavata dalla corteccia del gelso attorno al 200 d.C. e dal bambù 200 anni dopo, la carta è ancora oggi fabbricata secondo il metodo cinese.

La stampa, tuttavia, non si sviluppò che otto secoli dopo. La xilografia e la stampa con caratteri incisi sembrano essere stati i metodi più economici di riproduzione della parola scritta, specialmente perché  la scrittura cinese ha migliaia di caratteri e non si presta a semplici metodi tipografici.

Nel XI sec. Dei monaci taoisti, cercando l’elisir della vita eterna, mescolarono carbone, salnitro e zolfo creando accidentalmente la polvere da sparo.

Più tardi questa fu usata per fuochi d’artificio, bombe e granate.


Il Palazzo Imperiale

palazzo_imperiale - Tour in Cina - Viaggio in Cina

Il Palazzo d’Estate

Palazzo d'estate - Tour in Cina - Viaggio in Cina

Il Tempio del Cielo

tempio del cielo - Tour in Cina - Viaggio in Cina

La Grande muraglia

Grande muraglia - Tour in Cina - Viaggio in Cina Tempio dei lama - Tour in Cina - Viaggio in Cina

Il Tempio dei Lama

Shaolin - Tour in Cina - Viaggio in Cina

Il Monastero Shaolin

Le Tombe Ming

Tombe Ming - Tour in Cina - Viaggio in Cina

I tesori delle Tombe Reali

tesori delle tombe reali cinesi - Tour in Cina - Viaggio in Cina

L’architettura cinese

Architettura cinese - Tour in Cina - Viaggio in Cina

L’arte e artigianato cinesi

Arte e artigianato cinese - Tour in Cina - Viaggio in Cina

L’arte calligrafica cinese

calligrafia cinese - Tour in Cina - Viaggio in Cina

L’Opera cinese

opera cinese - Tour in Cina - Viaggio in Cina

Il Fengshui

fengshui - Tour in Cina - Viaggio in Cina

Il cinema cinese

cinema cinese - Tour in Cina - Viaggio in Cina

La cucina cinese

Cucina cinese - Tour in Cina - Viaggio in Cina

I nomadi cinesi

nomadi cinesi - Tour in Cina - Viaggio in Cina

Le regioni cinesi

Regioni cinesi - Tour in Cina - Viaggio in Cina

Le feste cinesi

feste cinesi - Tour in Cina - Viaggio in Cina

Le invenzioni cinesi

Gli Hutong

Hutong - Tour in Cina - Viaggio in Cina Created by www.viaggincina.it - Beijing (China) - All rights reserved
E-mail: info@viaggincina.it
La Cina più autentica, la Cina di cui ti puoi fidare!
Viaggincina